Sopra

Programmazione

PROGRAMMAZIONE

La scuola dell’infanzia concorre all’educazione armonica e integrale dei bambini/e;

è un ambiente di esperienze concrete e di apprendimenti che in un processo di sviluppo unitario integra le differenti forme del fare, del sentire, del pensare e dell’agire.

Gli orientamenti del ’91, la riforma Moratti n° 53 del 28/03 2003 e il D.L. n° 59 19/02 2004 , le indicazioni per il curricolo (Fioroni) del 03/07/2007, l’IRC e SCUOLA CATTOLICA  C.N.SC. 2004) , costituiscono il quadro di riferimento per la programmazione.

Il progetto della scuola, che riconosce sul piano educativo, la priorità della famiglia (art. 30 costituzione italiana) promuove lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della competenza, della cittadinanza.

Si intende rafforzare l’identità personale, sotto il profilo corporeo/intellettuale e psicodinamico, mediante “ una vita relazionale sempre più aperta” e il “proggressivo affinamento delle potenzialità cognitive”, per radicare atteggiamenti di sicurezza e consolidare la fiducia in sè e nelle proprie capacità.

La conquista dell’autonomia, elemento essenziale per la maturazione dell’identità e’ intesa come aiutare il bambino a sviluppare le capacità di gestirsi, orientarsi, compiere scelte in contesti diversi, nel rispetto degli altri, delle regole, del diverso da sè.

Per lo sviluppo delle competenze, si consolidano le abilità sensoriali,percettive, motorie, linguistiche, intellettive, impegnando i bambini “nelle forme di riorganizzazione dell’esperienza, di esplorazione e ricostruzione della realtà“.

Sviluppare il senso della cittadinanza significa scoprire gli altri, i loro bisogni e la necessità di gestire i contrasti attraverso regole condivise. Significa porre le fondamenta di un ambito democratico aperto al futuro e rispettoso del rapporto uomo-natura.

Il percorso educativo, nella prospettiva della maturazione del profilo educativo culturale e professionale, si basa sugli obiettivi specifici elencati in cinque titoli:

  • il sé e l’altro
  • corpo movimento salute
  • fruizione e produzione di messaggi
  • esplorare, conoscere e progettare

La metodologia seguita si fonda su una visione unitaria della personalità dei bambini considerati come soggetto attivo,auto-costruttore delle proprie conoscenze attraverso l’interazione continua con persone, le cose, l’ambiente e la cultura. Si valorizzano il gioco, la vita di relazione,l’esplorazione e la ricerca. Da queste premesse derivano le caratteristiche dei metodi.

Il personale docente,per conferire significato alle proposte e sostenere l’interesse, fa in modo che le esperienze vissute dal bambino siano inserite in un contesto ludico, base di ogni apprendimento e manifestazione piu’ naturale dell’infanzia.

L’unità di ricerca, considerando da un lato le capacità complessive di ogni bambino e, dell’altro; le teorie pedagogiche, si basa sul progetto educativo.

Le insegnanti utilizzano la strategia metodologica dello sfondo integratore, che oggi sembra la più appropriata per la scuola dell’infanzia.

In base ai traguardi di sviluppo si concordano i tempi, gli spazi le attività che sono suddivise in:

  • attivita’ di sezione,
  • attivita’ d’intersexione
  • attivita’ che coinvolgono i bambini di tutta la scuola ( es. giochi all’aperto, uscite in compagnia, visite programmate a tema specifico).

Le esperienze proposte fanno sempre riferimento al vissuto dei bambini ed includono giochi ed attivita’ motorie, drammatizzazioni e riflessioni mediante scambi verticali.Il momento conclusivo e’ quello della rappresentazione che avviene attraverso disegni liberi, realizzazione di cartelloni, prodotti plastici e schede predisposte dalle insegnanti.

Nello svolgimento delle varie attivita’, le insegnanti cercano di:

  • creare un clima di gioiosita’ ludica e di dialogo collettivo;
  • dare spazio alle domande ed alla sperimentazione in modo da sostenere l’attenzione e garantire buone situazioni relazionali,affettive,cognitive;
  • permettere al bambino di esprimersi attraverso il disegno, la pittura la drammatizzazione, il travestimento, favorendo l’utilizzo di vari materiali;
  • valorizzare in modo particolare le semplici attivita’ di vita quotidiana e l’esplorazione della natura.
  • incoraggiare i piccoli alla soluzione dei loro problemi, mediante lodi, stimolazioni ed interventi orientativi;
  • sollecitare il b.a formulare ipotesi e previsioni per la soluzione di problemi.
 
 
Powered by Phoca Download